L’ernia non è altro che la fuoriuscita di un organo interno o di una sua parte, che di solito è presente all’interno di una cavità dell’organismo. L’ernia inguinale dunque, è la fuoriuscita di viscere dalla porta erniaria, precisamente nella regione che riguarda l’inguine. La fuoriuscita può essere di grandi o piccole dimensioni e nei casi più gravi si può sentire dolore o notare una tumefazione nella zona dell’inguine che può provocare anche una cicatrice sull’ernia inguinale con relativo gonfiore. Si tratta di un problema molto comune e spesso trattato in day hospital in casi più estremi, questo perché la patologia in questione può risultare molto fastidiosa e invalidante ma soprattutto pericolosa se non trattata in maniera corretta.

Ernia Cervicale: Sintomi Neurologici, Cura, Come Dormire

Ecografia ernia inguinale: La prima cosa da fare

Come in tutte le patologie è fondamentale andare per gradi e cercare prima di capire la gravità del problema. E’ inutile andare a comprare una mutanda elastica se prima non si ha esattamente chiaro qual’è il quadro generale del nostro corpo. L’ecografia aiuta in questo compito.

Ecografia ernia inguinale

Ecografia ernia inguinale

Si tratta di una delle patologie più frequenti soprattutto nel lato destro del sesso maschile, anche se non si esclude la possibilità che il problema in questione possa presentarsi anche per le donne. Il tutto ovviamente è legato alle strutture anatomiche del canale inguinale, infatti nell’uomo ci sono i vasi che poi portano al testicolo proprio per questo il problema è in percentuale più alto per gli uomini. Non ci sono età per la presentazione del problema, ma principalmente si parla di persone adulte di mezza età.

Slip Mutanda elastica dopo intervento di ernia inguinale

L’intervento è sempre una scelta difficile da fare ma a volte, l’unica soluzione. Ecco i prodotti e consigliati, piu’ venduti e votati per mutande che sono utili da utilizzare post operazione e in alcuni casi, previo consulto medico, slip utili per provare una eventuale guarigione spontanea.

L’ernia di schmorl, questo sconosciuto

Ernia Inguinale: Esercizi, trattamento e rimedi

Di solito l’ernia inguinale può ridursi spontaneamente, quindi non si necessita di una cura con dei medicinali specifici. Ovviamente qualora il problema non riesca ad essere eliminato in maniera naturale, si può ricorrere ad un trattamento conservativo, quello utilizzato quando si sconsiglia un intervento chirurgico o si è appunto in attesa di ottenere un posto in sala operatoria. Considerando comunque che si tratta di un intervento a tutti gli effetti con tanto di problemi spesso nel camminare dopo l’intervento ernia inguinale, si consiglia di utilizzare questa opzione con parsimonia e solo per “ultimo e per forza”.

mutanda elastica dopo intervento ernia inguinale

mutanda elastica dopo intervento ernia inguinale

Questo trattamento prevede l’utilizzo di mutande elastiche, create appositamente per chi ha un’ernia inguinale ma soprattutto l’utilizzo di un cinto erniario, anche se questo macchinario è ormai obsoleto. Infatti, qualora si presenti un problema di ernia inguinale abbastanza fastidioso, si ricorre solitamente ad un intervento per evitare che la situazione peggiori. Come detto in precedenza si tratta di un intervento molto veloce, effettuato in day hospital, in cui viene inserita una piccola retina che riesca a contenere appunto il problema e rinforzare la parete dell’addome.

Esercizi consigliati previo consulto medico:

esercizi per ernia inguinale

esercizi per ernia inguinale

La prevenzione di un’ernia inguinale in gravidanza

ernia inguinale in gravidanza

ernia inguinale in gravidanza

È molto difficile riuscire a prevenire un’ernia inguinale anche in gravidanza, questo perché dipende tutto dalla resistenza della parete addominale. E’ molto importante anche cercare di guidare l’auto in modo protetto durante l’ernia inguinale. Spesso infatti, si tratta di un fatto congenito peggiorato poi dalla totale assenza di attività fisica. Non si conoscono le cause precise della presenza di un’ernia inguinale ma spesso si pensa che il problema possa presentarsi a causa di uno starnuto o di un colpo di tosse troppo forte e improvviso, della stitichezza e di un forte sovrappeso, ovviamente affiancati dalla debolezza addominale di cui abbiamo parlato sopra.

Ozonoterapia ernia del disco funziona davvero?

Dunque si consiglia di prevenire l’arrivo di un’ernia inguinale con un buon esercizio fisico che però no vada a sforzare troppo l’organismo. Qualora si effettuino degli esercizi con carichi pesanti, si consiglia di utilizzare sempre una cintura di contenimento e di non stringerla troppo altrimenti anche la pressione potrebbe peggiorare la situazione. Nel momento in cui si effettua un intervento, prima di ricominciare ad allenarsi è consigliato aspettare 10 o 20 giorni per un leggero allenamento, mentre per tornare alla normalità bisogna attendere almeno dalle 6 alle 10 settimane.

 

Filippo Dei
Filippo Dei

Sono Filippo, creatore di questo blog. Non sono un dottore e non ho conoscenze mediche, sono solo un ex paziente con 4 ernie discali, che ha provato di tutto e dopo 10 lunghissimi mesi, ha risolto. Racconto la mia esperienza e spero di aiutare molti 🙂