Il mal di schiena è uno dei disturbi salutari più diffusi, che colpiscono fino all’80% delle persone, almeno una volta nella vita. Di solito la parte più colpita dal mal di schiena, è la zona lombare, ovvero la parte posteriore della schiena, però di fatto il dolore, può verificarsi in ogni punto della schiena. Il mal di schiena, è una delle più comuni conseguenze di stress e disagio nelle persone nel mondo professionale ed è una delle cause principali di assenza dal lavoro. Sia gli uomini che le donne soffrono quasi allo stesso modo di mal di schiena, che può essere diverso a seconda della persona.

mal-di-schiena-cura

C’è chi percepisce un forte dolore e persistente ma continuo e chi invece ha delle fitte improvvise e acute che non permette alla persona colpita di fare nessun movimento. Il dolore può essere causato per un trauma dovuto ad un incidente o sollevando nella maniera sbagliata qualcosa di pesante, oppure può nascere con il passare del tempo per colpa di cambiamenti dovuti all’età che avanza della colonna vertebrale. Uno stile di vita sedentario può favorire la comparsa del mal di schiena, soprattutto quando una stile di vita molto sedentario nei giorni di lavoro, è interrotto da un eccesso di attività fisica, nel fine settimana.

Nella maggior parte dei casi, il mal di schiena è acuto, ovvero dura pochi giorni o poche settimane, tende ad essere risolto in maniera spontanea trascorrendo qualche giorno di riposo assoluto e senza lasciare conseguenze alla schiena stessa. Il dolore subacuto è invece molto più lungo e di solito ha una durata che va dalle 4 alle 12 settimane. Nei casi peggiori abbiamo il dolore cronico, che è un dolore che persistente dalla durata di oltre 12 settimane o anche di più. Quest’ultimo colpisce il 20% delle persona che soffre di dolore acuto del mal di schiena e che svilupperà del dolore cronico con sintomi che durano anche più di un anno in qualche caso.

Cause del mal di schiena

Ci sono alcuni sintomi che sono dei veri e propri campanelli di allarme, su alcuni movimenti sbagliati che vengono fatti. Ecco alcuni esempi:
1. Quando ci si alza da un sedile di un auto e si avverte dolore nella parte posteriore della schiena
2. Quando si avverte dolore alla nuca, alzandosi da una sedia per prendere un oggetto
3. Mal di testa frequente, con la sensazione di avvertire un collo “pesante” o delle spalle “pesanti”
4. Quando si percepiscono delle fitte di dolore alla schiena, con uno starnuto o quando si tossisce
5. Quando si respira profondamente e si percepisce dolore alla schiena
6. Quando si portano dei pesi o si raccolgono degli oggetti da terra, si avverte una sensazione di affaticamento nella zona lombare della schiena o del dolore. Il mal di schiena è comunque un sintomo di una condizione medica, non una vera e propria patologia. Le cause che stanno alla base del sintomo possono essere di varia natura, anche se di solito le cause del dolore alla schiena sono di natura fisica, pure se lo stress emotivo può delle volte, svolgere un ruolo determinante sull’entità e sul tempo di durata del dolore. Un fisico sotto stress può essere influenzato in molti modi e può essere la causa di una dolorosa e persistente contrattura delle fasce muscolari della schiena e del collo.

Rimedi e cura per il mal di schiena

Per curare il mal di schiena bisogna ridurre il dolore il più velocemente e più a lungo possibile, per evitare che si trasformi in un problema maggiore. Per far si che venga raggiunto questo obiettivo, sono possibili diverse strategie e se per alcune cause è possibile stabilire subito una terapia, molte altre volte invece, è necessario provare di persona altre alternative per trovare la soluzione che più soddisfi il paziente.

Ecco una lista di possibili terapie da fare durante un periodo in cui si ha il mal di schiena:

  • Terapia a base di freddo e caldo. Questo è il classico rimedio usato anche dalle persone anziane, tramandando questo sistema di generazione in generazione. l’applicazione di calore può dare sollievo in qualche caso, ma quando si ha dell’infiammazione, potrebbe essere controindicato perché può provocare un peggioramento del dolore alla schiena. Di solito è consigliato applicare del ghiaccio nella zona colpita dal dolore, per il caldo è meglio aspettare il 3° o 4° giorno, con l’obiettivo di rilassare la muscolatura. La cosa migliore prima di fare questa terapia, è comunque quella di rivolgersi ad un medico.
  •  Terapia a base di farmaci antinfiammatori, antidolorifici e miorilassanti, che hanno il pregio di rilassare la muscolatura prevenendo il dolore, questo è il più usato per ogni mal di schiena.
  •  Terapia a base di esercizi fisici, individuali oppure andare da un fisioterapista, che di solito permette di dare sollievo a chi soffre di mal di schiena cronico.
  •  Farsi fare dei massaggi da un fisioterapista, di solito questi sono un ottimo aiuto per combattere il dolore.
  •  Intervento chirurgico, nei casi peggiori, cioè quando le terapie più conservative non sono state sufficienti, a volte è necessario ricorrere ad un intervento chirurgico.

Questi sono i principali rimedi contro il mal di schiena. Tuttavia prima di prendere una qualsiasi decisione, la soluzione da prendere sempre, è quella di rivolgersi al medico, che una volta stabilita la diagnosi e la causa del dolore, prenderà sicuramente la decisione migliore del caso, stabilendo così la cura da fare per curare il mal di schiena, tenendo conto però che a volte ci vuole un po’ di tempo, per ottenere dei risultati soddisfacenti.